Italian English

Un' insenatura naturale quasi circolare, compresa nella parte nord orientale della Sardegna, fu la località prescelta per PortoRotondo, già battezzata dai locali “Poltu Ridundu”. Uno spazio geografico che ben si prestava ad essere attrezzato per diventare un porto turistico attorno al quale sviluppare un villaggio marino. Furono i Conti veneziani Nicolò e Luigi Donà dalle Rose ad impegnarsi nel 1964 a creare il porto e il villaggio.

 Consorzio Porto Rotondo

Quasi tutto fu costruito in modo spontaneo, seguendo l'ispirazione e l'estro del momento guardando alla qualità. L'idea dei due fratelli era che PortoRotondo potesse diventare un ''milieu'' di artisti e di intellettuali, ed i primi a rispondere all'invito furono gli scultori Andrea Cascella e Giancarlo Sangregorio. Il primo creò il punto di incontro dei villeggianti: Piazzetta San Marco. Il secondo realizzò invece la piazzetta della darsena dei pescatori "Vecchia Darsena". Ventotto maestri scalpellini galluresi lavorarono il granito che servì ad Andrea Cascella per dare forma alla piazza, alla scalinata , alla facciata della Chiesa di San Lorenzo, alla sua croce megalitica e all'altare.

 chiesa san lorenzo porto rotondo

La Chiesa di San Lorenzo rimase vuota per poco tempo, come l'aveva fatta Andrea Cascella, finché venne chiamato il giovane scultore Mario Ceroli, che ne impreziosì gli interni con le sue magiche sculture lignee; per chiudere il cerchio, allo stesso Ceroli fu commissionato il Teatro.

L'idea iniziale è stata rilanciata di recente con la nascita della Fondazione PortoRotondo, che sta portando a compimento il grande lavoro artistico iniziato 45 anni fa. Nel 2007 viene realizzato il mosaico di via del Molo, la ormai famosa ''catena alimentare'', opera dell'artista bretone Emmanuel Chapalain.

 vie del centro di porto rotondo

Nel 2008/2009 è lo stesso Mario Ceroli a completare i lavori della Chiesa di San Lorenzo, con la realizzazione della splendida torre campanaria in legno, del portale in cristallo e della sovrastante vetrata raffigurante ''la deposizione di Cristo'' dedicata dall'artista alle ''morti bianche''. Infine la facciata sud della Chiesa con il rosone interamente realizzato a Murano.

 

Oggi PortoRotondo rappresenta una delle più importanti realtà del turismo mediterraneo che durante la stagione estiva accoglie circa 20 mila ospiti con punte di 30 mila nel mese di agosto. Le suggestive spiagge fanno da corona al Comprensorio e al suo porto turistico che offre un approdo sicuro a oltre 650 imbarcazioni di tutte le grandezze. Il territorio è articolato su tre "punte": Punta Nuraghe, Punta Volpe, Punta Lada e accoglie seminascosti dalla lussureggiante macchia mediterranea gli appartamenti, i residence e le prestigiose ville di importanti personaggi della cultura, della moda, degli affari e della politica. La vicinanza con Olbia, ad appena 15 Km., con il suo porto e aeroporto internazionale ha ulteriormente favorito il suo sviluppo.